Visitare Ravenna: la cittÓ, i mosaici, Teodorico e Santa Apollinare in Classe

Infine, la più vicina a Lugo è Ravenna, antica città che è stata anche capitale dell'Impero Romano d'Occidente. Alla fine del V secolo, Teodorico fece costruire la maggior parte dei monumenti che fanno di Ravenna una delle capitali mondiali dell'arte. Nel 540 passò sotto il controllo di Bisanzio, e fu allora che cominciò l'epoca dei grandi mosaici, assolutamente da ammirare in varie chiese: San Vitale (VI secolo), a pianta ottagonale, in cui la magnificenza dell'oro e dei colori dei grandi mosaici troneggia ovunque; il Mausoleo di Galla Placidia (V sec), piccolo oratorio isolato, a forma di croce latina, famoso per i mosaici delle volte, che riproducono un cielo stellato; la basilica di Sant'Apollinare Nuovo, i cui mosaici sono forse il capolavoro in assoluto dei mosaici ravennati.

Nel quartiere dell'Arcivescovato, visitate il Duomo (XVIII sec), il Battistero Neoniano (V sec), a base ottagonale e con una bella cupola con mosaici dai colori brillanti. Poco fuori Ravenna, Santa Apollinare in Classe, splendida basilica del VI secolo, con mosaici nel Presbiterio e, all'esterno, un campanile cilindrico. Ravenna è famosa anche per la tomba di Dante, il quale all'inizio del XIV secolo, cacciato da Firenze, trovò accoglienza in questa bella città.

Ravenna è famosa per la sua estate musicale, che vede concerti di ogni sorta tenersi nei punti più caratteristici della città: concerti d'organo in San Vitale e concerti sinfonici nelle altre chiese principali, spettacoli e cinema alla Rocca Brancaleone...

Archivio Guide del Territorio